QB veterano di 18 anni mette in dubbio la capacità di Kirk Cousins ​​di guidare i vichinghi

GettyLa capacità di leader di Kirk Cousins ​​è stata messa in dubbio dal veterano quarterback Josh McCown.



Pochi quarterback sono più adatti a un operaio di Josh McCown.



McCown, 41 anni, ha giocato per 12 squadre nei suoi 18 anni di carriera nella NFL. È adatto a qualsiasi cosa gli sia necessario: come titolare, riserva o quarterback della squadra di emergenza.

La sua capacità di adattamento e la volontà di mettere la squadra al primo posto lo hanno reso un giocatore rispettato in campionato.

McCown ha recentemente pesato sulla controversia che circonda lo stato di vaccinazione del quarterback dei Minnesota Vikings Kirk Cousins ​​che è diventato un punto dolente per il franchise.



McCown rispetta la convinzione personale di Cousins ​​e la scelta di rimanere non vaccinati. Tuttavia, ha contestato l'impatto di tale scelta sulla squadra.

Le ultime notizie sui Vichinghi direttamente nella tua casella di posta! Iscriversi a Pesante sulla newsletter dei Vichinghi qui !

Unisciti a Heavy on Vikings!




'Penso che questo ti tolga parte della tua capacità di guidare'

In un'intervista con il giornalista della Pioneer Press Chris Tomasson, McCown ha considerato come la decisione di Cousins ​​potrebbe ostacolare la capacità del 32enne chiamante di guidare i Vichinghi.

Ovviamente, abbiamo una scelta personale, e questa è una libertà che ha, ha detto McCown, per Tomasson . Ma penso che nel regno di una squadra e comprendendo tutto ciò che facciamo riguardo alla scienza e alla sua sicurezza, direi solo che sarebbe difficile settimana dopo settimana per un quarterback dire: 'Ehi, sono tutto per la mia squadra, ma non lo farò se non per questo.'

Cousins ​​ha sollecitato la sua diligenza a seguire i protocolli, che saranno notevolmente più severi come giocatore non vaccinato in questa stagione. Cousins ​​ha avuto un assaggio dei nuovi protocolli NFL COVID-19 quando è stato costretto a saltare cinque giorni di training camp a causa di uno stretto contatto ad alto rischio con un Kellen Mond positivo al COVID-19, che all'epoca non era vaccinato.

Se fosse stata la stagione regolare, Cousins ​​sarebbe probabilmente uscito il giorno della partita.

Ovviamente, ha una ferma convinzione nei suoi sistemi di credenze che lo portano a dire: 'Non voglio vaccinare', e sono affari suoi, ha detto McCown. Ma visto l'effetto e l'impatto che può avere su una squadra, non condividiamo le stesse convinzioni su questo aspetto. E penso solo che tu voglia aprire la strada e fare tutto ciò che ti consente di essere efficace per la tua squadra, e quindi se non lo fai (fai vaccinare), immagino che tu debba indossare la maschera ed essere vigile su questo. Ma anche in quel caso, penso che questo tolga parte della tua capacità di guidare.

McCown, che ha lo stesso agente di Cousins, non ha parlato della questione con il quarterback dei Vikings. McCown, che è vaccinato, ha ribadito di rispettare la scelta personale di Cousins, per Tomasson.

Fan sfegatato dei Vichinghi? Segui il Pesante sulla pagina Facebook di Vikings per le ultime notizie, voci e contenuti da Skol Nation!


I cugini non sono soli

L'interrogatorio di McCown sulla capacità di Cousins ​​di guidare ha dei meriti, tuttavia, non è solo nel suo stato di vaccinazione nel roster dei Vichinghi.

Dei 69 giocatori del roster attivo e della squadra di allenamento dei Vikings, almeno 13 non sono vaccinati o non sono completamente vaccinati, secondo il Tribuna delle stelle . Dodici di questi giocatori sono nel roster di 53 uomini e includono cinque titolari: Cousins, Dalvin Cook, Adam Thielen, Dalvin Tomlinson e Harrison Smith.

NFL Media ha riferito venerdì che il tasso di vaccinazione in tutta la lega rimane al 93% dopo i tagli finali del roster. Il tasso dei vichinghi è, nella migliore delle ipotesi, dell'81,2%, secondo lo Star Tribune.

La proverbiale spaccatura nello spogliatoio potrebbe non essere un grosso problema con molti leader vichinghi non vaccinati.

Tuttavia, la mentalità del prossimo uomo in alto non si trasferisce nella posizione di quarterback.

C'è poca profondità dietro Cousins ​​nel rookie del terzo round Kellen Mond e Sean Mannion. Nessuna posizione sarebbe più influenzata da un'assenza correlata al COVID-19 rispetto al quarterback, il che pone un ulteriore controllo sui cugini che entrano nella stagione 2021.

Articoli Interessanti