Derek Chauvin ha detto che George Floyd stava 'impazzendo' e che i testimoni erano 'piuttosto ostili' in un audio mai sentito prima

Il sergente David Pleoger, che all'epoca era il supervisore di Chauvin, disse che la moderazione avrebbe dovuto finire quando Floyd non stava offrendo resistenza



Derek Chauvin ha detto che George Floyd stava 'impazzendo' e che i testimoni erano 'piuttosto ostili' in un audio mai sentito prima

Un manifestante a una manifestazione contro Derek Chauvin (Getty Images)



Durante il processo in corso a Derek Chauvin, l'ex agente di polizia accusato dell'omicidio di George Floyd, è stato rivelato un clip audio inedito. Nelle prove audio, si può sentire Chauvin parlare con il suo supervisore, il sergente David Pleoger, pochi istanti dopo la morte di Floyd. Tuttavia, secondo quanto riferito, ha evitato di menzionare il fatto che si è inginocchiato sul collo di Floyd per oltre otto minuti. Ha condiviso i dettagli solo dopo essere stato specificamente indagato in seguito.

Chauvin ha anche detto a Pleoger che Floyd stava 'impazzendo'. Sembrava anche senza fiato e tossiva mentre rispondeva alla chiamata del sergente Pleoger, secondo Mail giornaliera .

LEGGI DI PIÙ



Darnella Frazier: l'adolescente che ha sparato alla morte di George Floyd dice che Derek Chauvin si è inginocchiato più forte quando gli è stato chiesto di fermarsi

guarda i giochi reali online gratis

Chi è Morries Lester Hall? L'amico di George Floyd che era in macchina con lui si rifiuta di testimoniare nel processo di Chauvin

Un gruppo di artisti dipinge un murale di George Floyd sul muro fuori Cup Foods (Getty Images)



Cosa ha detto Derek Chauvin al suo supervisore?

David Pleoger stava lavorando come sergente di turno quando l'incidente di George Floyd si è verificato il 25 maggio 2020. Un Pleoger da poco in pensione ha testimoniato in tribunale giovedì 1 aprile 2021, dove ha affermato che Chauvin non gli ha rivelato di aver applicato il suo ginocchio al collo di Floyd e lo tenne fermo per un po 'di tempo.

'Credo che mi abbia detto che era diventato combattivo, ha detto che si era ferito o al naso o alla bocca e alla fine aveva lottato con lui. Ha detto che aveva subito un'emergenza medica e che è stata chiamata un'ambulanza ', ha detto Pleoger alla corte.

Derek Chauvin (Getty Images)

livelli di storia dell'orrore americano dell'inferno

'Volevo solo chiamarti per venire alla nostra scena, dovevamo trattenere un ragazzo che stava impazzendo, non sarebbe andato in fondo alla squadra', si può sentire Chauvin dire a Pleoger nell'audio. Più tardi, quando Pleoger è arrivato sulla scena e gli ha chiesto di identificare e parlare con i testimoni, Chauvin ha detto: 'Possiamo provare ma sono piuttosto ostili'.

Quando gli è stato chiesto dal pubblico ministero se ritiene che la moderazione avrebbe dovuto finire a un certo punto, Pleoger ha risposto: 'Sì [avrebbe dovuto finire] quando il signor Floyd non stava più offrendo alcuna resistenza', ha riferito il Daily Mail.

è uche gay su american idol

Una foto di George Floyd è appesa a una barriera che circonda l'Hennepin County Government Center mentre continua il processo contro l'ex ufficiale di polizia di Minneapolis Derek Chauvin (Getty Images)

Cosa ha rivelato Pleoger al processo?

Pleoger inizialmente non ha ricevuto una chiamata da Chauvin dopo l'incidente. È arrivato sulla scena dopo essere stato chiamato e informato dal centralinista del 911 Jena Scurry, che ha visto l'incidente svolgersi di fronte a Cup Foods e ha avuto la 'sensazione viscerale' che non fosse giusto.

'Ha chiamato per dire che non voleva essere una spia, ma aveva visto qualcosa mentre guardava una telecamera che pensava fosse preoccupante', ha detto Pleoger di Scurry.



La politica del Dipartimento di Polizia di Minneapolis impone la segnalazione immediata dell'uso di incidenti con la forza. Dal momento che Pleoger non è stato inizialmente contattato da nessuno degli ufficiali sulla scena per lo stesso, aveva ipotizzato che il caso fosse un 'ritiro'. Ha anche detto alla corte che non ha indagato sul caso o condotto una revisione della forza e intervistato gli ufficiali, una volta che è diventato 'critico' dopo la morte di Floyd.

Durante la sua testimonianza ha parlato anche dell'asfissia posizionale e di altri aspetti rilevanti per il caso.

Se hai una notizia o una storia interessante per noi, ti preghiamo di contattarci al numero (323) 421-7514

Articoli Interessanti