Mia Khalifa afferma che Bang Bros l'ha ingannata facendola fare un servizio fotografico porno in hijab mentre impugnava fucili d'assalto

L'ex pornostar ha detto che Jordan Sibbs le ha detto che un fotografo di Vogue avrebbe fatto clic sulle sue foto per la rivista



Mia Khalifa afferma che Bang Bros l'ha ingannata facendola fare un servizio fotografico porno in hijab mentre impugnava fucili d'assalto

(Getty Images)



L'ex pornostar Mia Khalifa, che ha recentemente parlato della sua traumatica esperienza di lavoro nell'industria dei film per adulti per tre mesi prima di smettere di fumare nel 2015, ha scritto una serie di tweet giovedì 25 giugno, sostenendo che la compagnia pornografica Bang Bros e un fotografo che presumibilmente ha lavorato per Vogue l'ha ingannata facendola posare in un hijab e con i fucili.

Khalifa, che una volta è diventata l'artista più cercata su PornHub anche dopo aver interrotto i legami con l'industria ed è stata accreditata per aver realizzato 11 video porno nel suo breve periodo, disse che ha scelto di non parlare di questo perché pensava che sarebbe stata 'derisa dal grande pubblico' se l'avesse condivisa. Ha detto che il dirigente di Bang Bros Jordan Sibbs l'ha contattata dopo aver visto i suoi film maturi con l'hijab che l'avevano resa controversa nell'industria dei film per adulti e che l'avevano persino portata a ricevere minacce di morte.

Al culmine della sua carriera nel porno, le è stato detto che un fotografo di Vogue, parente della ragazza di Sibbs, era in città e voleva scattare con lei. Il dirigente le disse inoltre che avrebbe potuto diventare mainstream ed essere 'convalidata' se avesse lavorato con lui. Un ignaro Khalifa ha acconsentito al servizio fotografico senza indagare sui dettagli. «Il nome del fotografo, credo, era Christian. Sono arrivata al quartier generale dell'ufficio di Bang Bros senza sapere cosa aspettarmi da un 'vero fotografo', pensando che saremmo andati in un bellissimo set o luogo ', ha scritto.



Tuttavia, i segnali di allarme rosso nel suo cervello hanno iniziato a spegnersi dopo aver raggiunto il set. 'Dal momento in cui mi è stato detto che non c'erano capelli e trucco, sapevo che qualcosa non andava, ma ero in conflitto. Non ero mai stato su un set 'reale' e non volevo insultare inavvertitamente il fotografo o il suo processo, perché E SE STAVA ANDANDO IN VOGLIA! ' lei disse. È stata portata sul tetto, dove era sola con il fotografo. Successivamente, le sarebbero stati consegnati due fucili semiautomatici e un hijab. L'ex pornostar è stata incaricata di posare in un certo modo mentre lui (il fotografo) apportava correzioni fisiche al mio corpo.

ragazzo con arco e frecce alla protesta

I suoi ordini di posa sono rapidamente passati da provocatori a salaci, ma ancora una volta avevo troppa paura per dire qualcosa. 'E se fosse per Vogue? E se si arrabbia? E se ti spingesse giù dal tetto? Era il ritornello nella mia testa Non conoscevo quest'uomo ed ero spaventato fino in fondo ', ha scritto Khalifa. Quando ha pensato che avesse ottenuto tutti gli scatti che voleva, ha iniziato a lasciare il set quando è stata richiamata per ulteriori scatti. 'Mi ha detto di togliermi l'hijab e le mutande e di posare contro un muro. Il mio cuore iniziò a palpitare. So che potrebbe essere facile per te dire 'hai fatto sesso davanti alla telecamera, qual è il problema?' Ma devi capire il livello di paura che una donna ha quando si sente impotente ', ha detto.

Ha detto che l'esperienza l'ha fatta sentire a buon mercato e usata, impotente e umiliata 'e l'ha influenzata per sei anni. Ad un certo punto, quando non si era messa in posa secondo i gusti del fotografo, lui l'ha toccata in modo inappropriato con il pretesto di correggerla. 'Ha spostato le sue mani sui miei seni dicendomi quanto erano carini. Sento ancora il freddo metallo dei suoi anelli in un brivido lungo la schiena ', ha detto.



vai a impostare un significato di guardiano

'All'epoca ero troppo giovane per rendermene conto, ma questi uomini, tutti loro, collettivamente e consapevolmente scelsero di ingannarmi. Jordan Sibbs, il fotografo, altri dirigenti di Bang Bros, sono tutti complici. E so per certo che lo sono perché settimane dopo, quelle foto sono state utilizzate sul sito web BangBros creato sotto il mio nome. Di cui possedevo il dominio prima che, ancora una volta, mi ingannassero facendogli vendere per $ 1 ', ha scritto.

Ha aggiunto che era solo una `` pedina per loro, non mi hanno mai visto come un essere umano con un'anima e un futuro '' e, di conseguenza, non le importava di trafficarla `` nelle mani di quest'uomo senza supervisione o rispetto per la mia sicurezza '. Non è stata pagata per le riprese e non è mai stata informata per cosa sarebbe stata usata.

'Per quanto ne so, questo fotografo avrebbe potuto effettivamente lavorare per Vogue. In tal caso, vergogna per lui per aver abusato di quelle credenziali per fotografare esplicitamente qualcuno chiaramente in preda a una crisi mentre il mondo lo ridicolizzava e guardava, e questi uomini ne hanno approfittato ', ha concluso Khalifa.

Se hai una notizia o una storia interessante per noi, ti preghiamo di contattarci al numero (323) 421-7514

Articoli Interessanti