West Memphis Three: chi è il vero assassino dietro la brutale morte di tre bambini di 8 anni nel 1993?

Mentre West Memphis Three - Damien Echols, Jessie Misskelley Jr. e Jason Baldwin - sono tutti uomini liberi ora secondo i loro precedenti penali, sono ancora condannati per assassini



West Memphis Three: chi è il vero assassino dietro la brutale morte di tre bambini di 8 anni nel 1993?

The West Memphis Three (West Memphis Police Department)



Quasi tre decenni dopo, gli investigatori sono ancora sconcertati dai brutali omicidi di tre giovani West Memphis, Arkansas, ragazzi che avevano lasciato il paese vacillando.

Nel 1994, in quello che era ampiamente ritenuto un errore giudiziario, tre adolescenti, il diciottenne Damien Echols, la diciassettenne Jessie Misskelley Jr. e il sedicenne Jason Baldwin, furono condannati in relazione a la morte di Christopher Byers, Michael Moore e Steve Branch l'anno precedente.

Echols è stato successivamente condannato a morte, Misskelley è stata condannata all'ergastolo più due condanne a 20 anni e Baldwin è stato condannato all'ergastolo.



walmart capodanno ore 2016

I corpi di tutti e tre i ragazzi, tutti di otto anni, erano stati trovati in un ruscello a Robin Hood Hills, una striscia di terra boscosa della città che era popolare tra i bambini il 6 maggio 1993.

gli orrori della scuola di arthur g dozier dettagliati nel rapporto

Tutti e tre erano stati spogliato nudo e legati con i lacci delle scarpe: le caviglie destre erano state legate ai polsi destri dietro la schiena, e anche le caviglie sinistre erano state legate ai polsi sinistri dietro la schiena.

Sia Michael che Steve avevano lividi sui loro corpi, mentre Christopher aveva lividi e lacerazioni in varie parti del suo corpo e mutilazioni allo scroto e al pene.



La natura raccapricciante dei loro omicidi ha portato gli investigatori a teorizzare che ci fosse un elemento satanico in esso - qualcosa che non era troppo inverosimile nella Bible Belt considerando che 'Satanic Panic' stava ancora facendo il giro allora - e zero su Echols, Misskelley Jr., e Baldwin, malfattori con una reputazione indisciplinata che li ha preceduti.

Mentre c'era una sorprendente mancanza di prove fisiche, una combinazione di una confessione coatta e l'accusa che li dipingeva come cattivi della pantomima attraverso i loro tagli di capelli e gli stili di abbigliamento meditabondi a una giuria conservatrice li condannò.

Non hanno mai smesso di insistere sulla loro innocenza, tuttavia, e nel 2001, una legge approvata che consente ai detenuti di richiedere un test del DNA non solo ha dato loro una possibilità di libertà, ma ha anche fatto luce su un altro possibile sospetto: uno dei patrigni delle vittime.

Lettera di Donald Trump a Erdogan

Dopo che una mozione per i test per esonerare Echols, Misskelley Jr. e Baldwin è stata approvata nel 2004, gli esaminatori hanno trovato un capello umano sulla scarpa di Michael che non apparteneva a nessuno degli imputati.

Due investigatori privati ​​che indagavano sul caso per loro conto alla fine hanno rivolto gli occhi su Terry Hobbs, il patrigno di Steve, perché la sua storia non tornava: aveva affermato di aver iniziato a cercare i ragazzi alle 18:00 del giorno in cui erano scomparsi. quando in realtà erano stati denunciati dispersi solo alle 21:00.

I loro sospetti sono stati apparentemente confermati quando il DNA di una sigaretta che hanno sollevato da casa sua era una corrispondenza con i capelli che hanno trovato sulla scarpa di Michael. Tuttavia, è stato stabilito che, dal momento che i ragazzi giocavano tutti insieme spesso a casa l'uno dell'altro, era ragionevole che i capelli di Hobbs potessero essersi infilati nelle loro scarpe.

(L-R) Jessie Misskelley Jr., Damien Echols e Jason Baldwin sono assassini liberi ma ancora condannati (Neilson Barnard / Getty Images)

Le prove erano ancora sufficienti per convincere l'accusa a offrire ai West Memphis Three un Alford Plea, che ha permesso loro di proclamare la loro innocenza pur ammettendo che l'accusa aveva prove sufficienti per condannarli, e che ha permesso loro di camminare liberi.

Ma se né Hobbs né nessuno dei tre hanno ucciso i ragazzi, allora chi l'ha fatto? Un indizio risiedeva in una telefonata apparentemente non correlata, ma evidente, fatta alle autorità la notte della scomparsa dei ragazzi.

Intorno alle 20:42 di quella fatidica sera, i lavoratori di un ristorante di Bojangles situato a un miglio dalla scena del crimine avevano riferito di aver visto un maschio che sembrava 'mentalmente disorientato' nel bagno delle donne del ristorante.

dov'è Robert Blake adesso?

Hanno riferito che l'uomo aveva sanguinato copiosamente e aveva sfiorato le pareti del bagno. L'agente Regina Meeks ha risposto alla chiamata e ha preso il rapporto del direttore del ristorante attraverso la finestra drive-through del ristorante, ma non è entrata per ispezionare la scena da sola.

Il giorno dopo che i corpi di Christopher, Michael e Steve furono trovati, il manager di Bojangles, Marty King, sospettò che ci fosse un collegamento tra la loro morte e l'uomo insanguinato nel bagno e riferì di nuovo l'incidente alla polizia.

Ha quindi dato agli investigatori un paio di occhiali da sole che pensava l'uomo avesse lasciato indietro, mentre dalla scena sono stati prelevati anche campioni di sangue dai muri e dalle piastrelle. Sfortunatamente, il detective della polizia Bryn Ridge ha testimoniato durante il processo al West Memphis Three di aver perso i raschiati di sangue.

c'è posta oggi 2017

Un altro possibile sospetto che la polizia non ha mai indagato a fondo era un altro adolescente, Chris Morgan. Morgan era venuto a conoscenza delle autorità dopo aver scoperto che era partito bruscamente da West Memphis per Oceanside, in California, appena quattro giorni dopo che i corpi erano stati scoperti.

Morgan aveva una lunga storia di abuso di alcol e droghe e si presumeva avesse familiarità con tutti e tre i ragazzi mentre guidava un camion dei gelati nel loro quartiere, e in un esame del poligrafo, i detective in California hanno stabilito che stava mostrando inganno quando ha negato coinvolgimento negli omicidi.

La rivelazione più sorprendente è arrivata durante l'interrogatorio quando ha affermato di avere blackout e vuoti di memoria e ha suggerito in una dichiarazione che in seguito ha ritrattato che 'avrebbe potuto' uccidere le vittime. La polizia ha inviato i loro risultati, così come campioni di sangue e urine ai loro omologhi a West Memphis, ma non ci sono indicazioni che sia mai stato indagato come sospetto.

Echols, Misskelley Jr. e Baldwin sono tutti uomini liberi ma non sono stati prosciolti per gli omicidi, il che significa che, secondo i loro precedenti penali, sono ancora assassini e continueranno a esserlo fino a quando il vero colpevole non sarà assicurato alla giustizia.

La storia di Echols, Misskelley Jr. e Baldwin, così come i raccapriccianti omicidi e il processo che seguirono, sono stati raccontati in uno speciale di tre ore, 'The West Memphis Three: An ID Murder Mystery', presentato in anteprima su Investigation Discovery il Domenica 5 aprile alle 9/8 c.

Se hai una notizia o una storia interessante per noi, ti preghiamo di contattarci al numero (323) 421-7514

Articoli Interessanti